Guida E Risorse Contro I Ransomware

Un ransomware è un tipo di software dannoso, o malware, progettato per negare l’accesso a un sistema informatico o a dati fino a quando non viene pagato un riscatto. 

Indice nascondi
Vuoi rimuovere il ransomware in modo rapido e sicuro? HelpRansomware

Vuoi rimuovere il ransomware in modo rapido e sicuro?

HelpRansomware ha aiutato migliaia di aziende e amministrazioni a riprendersi da un attacco ransomware

Che cos’è un ransomware? 

Un ransomware è un tipo di malware che limita l’accesso a un computer o a una rete e chiede all’utente il pagamento di un riscatto per il ripristino dell’accesso. 

Di solito viene richiesto in valuta digitale perché è impossibile da rintracciare.

Il ransomware è in grado di crittografare i file sul dispositivo infetto e richiedere il pagamento tramite bitcoin o altre criptovalute. 

La crittografia può essere eseguita anche durante l’installazione. 

La vittima potrebbe non essere in grado di aprire alcun file, a meno che non paghi il riscatto. 

In alcuni casi, vengono eliminati anche i backup e gli snapshot prima che vengano criptati. 

Ciò rende difficile il recupero dei file da parte delle vittime che si vedono costrette a pagare il riscatto.

Negli ultimi anni, i ransomware attack sono sempre più ricorrenti tra le entità governative, sia statali che locali, e le organizzazioni di infrastrutture critiche.

Soprattutto, le aziende ospedaliere e quelle legate al settore finanziario. 

Secondo Panda Security, il 37% dei settori industriali ha subito un attacco ransomware nel 2021.

Che cos'è un ransomware HelpRansomware

Il ransomware è un virus?

Sebbene la maggior parte degli esperti abbia espresso pareri discordanti, alcune caratteristiche lo accomunano ai virus

Come loro, può diffondersi e infettare nuovi sistemi all’insaputa della vittima.

Il ransomware prende il controllo del computer e esegue la crittografia dei file importanti, fino a quando non riceve il denaro per sbloccarli. 

Dopo aver infettato un sistema, il ransomware si diffonde solitamente tramite unità USB o allegati via posta elettronica.

Qual è il più grande crimine informatico?

La criminalità informatica è cresciuta negli ultimi anni e si prevede che cresca ulteriormente in futuro.

Ciò si deve al crescente bisogno di sicurezza informatica legata ad una vita sempre più digitalizzata.

L’FBI considera il ransomware come uno dei reati più comuni insieme a:

  • Truffe via email;
  • Furto di identità;
  • Phishing;
  • Predatori online. 

L’agenzia federale statunitense sottolinea l’importanza di adottare le misure di sicurezza appropriate e di porre la massima attenzione quando si naviga in rete. 

Il ransomware è un reato?

Per rispondere a questa domanda è sufficiente richiamare la legge federale degli Stati Uniti, in particolare i Reati Informatici e alla Sezione sulla Proprietà Intellettuale: 

“Questo manuale esamina le leggi federali relative alla criminalità informatica. Il nostro sguardo è rivolto verso quei reati che utilizzano o prendono di mira le reti informatiche, che chiamiamo indistintamente  “crimine informatico”, “cyber crimine” e “crimine di rete”. Alcuni esempi di crimini informatici sono le intrusioni informatiche, gli attacchi di negazione del servizio, i virus e worm”. 

Infatti, l’OFAC e il FinCEN hanno dichiarato illegale il pagamento di un riscatto ransomware

Chi ha creato il ransomware?

Tra i vari media, la CNN ha riportato che il primo ransomware è stato realizzato dal biologo Joseph Popp.

Nel 1989, Popp inviò 20.000 floppy disk ai partecipanti di una conferenza sull’AIDS. 

Dopo averli inseriti nel computer, i sistemi si bloccarono e apparve un messaggio che richiedeva un riscatto di 189 dollari da inviare ad una casella postale a Panama. 

Chi ha creato il ransomware HelpRansomware

Eddy Willems, una delle vittime, disse: “L’incidente ha creato moltissimi danni in quei giorni. Le persone hanno perso molto lavoro. Non era una cosa marginale, era una cosa importante, anche allora”

La polizia arrestò Popp con vari capi di accusa, identificandolo come l’autore del ransomware. 

Chi si nasconde dietro i ransomware?

I ransomware sono per lo più opera di pirati informatici che puntano ad incrementare i loro profitti o per motivi di tipo politico-ideologico. 

Alcuni creatori agiscono per motivi economici, allo scopo di ricevere un compenso dalla vendita delle chiavi per decriptare file ransomware.

I ransomware che criptano i file possono essere utilizzati anche da aziende che si occupano di spionaggio industriale, con il furto di segreti industriali o di proprietà intellettuale.

Dove ha origine la maggior parte degli attacchi ransomware?

La maggior parte degli attacchi ransomware proviene dalla Russia e dall’Ucraina, dove circola un gran numero di siti web dannosi che offrono malware di cryptojacking a vittime ignare.

Secondo uno studio della società di blockchain Chainalysis, il 74% dei ricavi da ransomware nel 2021 (400 milioni di dollari) era destinato a ceppi affiliati alla Russia

Dove ha origine la maggior parte degli attacchi ransomware HelpRansomware

Cosa fa un ransomware?

Il ransomware impedisce all’utente di accedere ai propri dati o programmi fino a quando non viene pagato un riscatto.

Il ransomware può essere diffuso tramite allegati di posta elettronica, siti web pericolosi e social network. 

Una volta che infetta un computer, il ransomware crittografa tutti i file del dispositivo interessato e richiede di pagare una somma per decifrarli.

L’ obiettivo principale del ransomware è quello di estorcere alle vittime del denaro in cambio della chiave per la decrittografia.

Come funziona il ransomware?

Il ransomware utilizza varie tecniche per installarsi nel computer di destinazione. 

Questi metodi includono le seguenti attività:

  • Sfruttamento delle vulnerabilità delle applicazioni;
  • Infezione di unità rimovibili;
  • Dirottamento dei componenti aggiuntivi del browser;
  • Ingegneria sociale come email di phishing o siti falsi.

La relazione di KnowBe4 sui dati degli attacchi informatici ha indicato che, nell’85% dei casi di attacchi di ingegneria sociale, gli hacker hanno rubato le credenziali di accesso

Come funziona il ransomware HelpRansomware

Una volta che il ransomware ha infettato il computer di destinazione, cripta tutti i file della vittima e richiede il pagamento di un riscatto per decrifrarli.

L’avviso per il riscatto viene visualizzata tramite un pop-up.

Cosa puoi fare contro il ransomware?

Se sei stato vittima di un ransomware, saprai già che la prevenzione è il migliore strumento nelle mani dell’utente:

  • Non aprire email o allegati sospetti;
  • Utilizza software protetti da antivirus;
  • Non scaricare mai software pirata;
  • Aggiorna il sistema operativo regolarmente;
  • Esegui la scansione del computer dopo un aggiornamento;
  • Mantieni il software antivirus aggiornato;
  • Non fare clic su link o allegati sospetti;
  • Presta attenzione ai dispositivi di rete domestica e alla rete wireless;
  • Conserva le password della stampante e dello scanner in un documento separato;
  • Cambia la password dei tuoi account social e altri siti web regolarmente;
  • Non tenere file condivisi contenenti informazioni riservate;
  • Fai una copia di sicurezza dei file.

Contatta HelpRansomware che, tra i vari servizi offerti, fornisce consulenza nella prevenzione da attacchi ransomware. 

L’azienda, con oltre 25 anni di esperienza, è specializzata nella rimozione di ransomware, sicurezza informatica e decrittografia

Hai bisogno di aiuto per recuperare i tuoi dati? HelpRansomware

Hai bisogno di aiuto per recuperare i tuoi dati?

Rimuoviamo il ransomware e recuperiamo i tuoi file

Che cos’ è un attacco ransomware?

L’attacco viene sferrato dai pirati informatici allo scopo di estorcere denaro a organizzazioni, governi o privati.

Con l’uso di software malevoli, bloccano l’accesso ai dati o all’intero sistema e richiedono il pagamento di un riscatto per il ripristino delle operazioni.

L’hacker minaccia di rimuovere la chiave per la decrittografia se il riscatto non viene pagato entro un certo termine.

Come avvengono gli attacchi ransomware?

L’attacco ransomware consiste nel criptare i file della vittima e inviarle un messaggio nel quale si richiede una somma di denaro, in cambio della chiave per la decrittografia. 

Questo attacco informatico avviene solitamente tramite allegati inviati via mail o link sui social.

Quanto durano gli attacchi ransomware?

La durata dell’attacco dipende per lo più dalla velocità di reazione della vittima. 

Statista rivela che, nel quarto trimestre del 2021, il periodo di inattività di aziende a causa di un ransomware è stato di 20 giorni

Nel grafico seguente, si osserva come il numero di giornate sia aumentato rispetto ai 15 giorni del primo trimestre del 2020.

Quanto durano gli attacchi ransomware HelpRansomware

Gli attacchi ransomware possono essere mitigati adottando delle misure di sicurezza adeguate e usando le dovute precauzioni.

Inoltre, agire in modo tempestivo è fondamentale; per questo, è necessario affidarsi a società specializzate, come HelpRansomware

L’azienda offre un’assistenza globale, 24 ore su 24, 7 giorni su 7, eliminando rapidamente il ransomware che cripta i file. 

Qual è stato il più grande attacco ransomware?

WannaCry è stato il più grande attacco che ha colpito oltre 230.000 computer in 150 paesi.

Questo attacco ha preso di mira molte organizzazioni in tutto il mondo, tra cui ospedali nel Regno Unito, FedEx in Spagna e fabbriche Renault in Francia.

Quali sono gli effetti di un attacco?

Un attacco ransomware può avere effetti devastanti su una persona o un’organizzazione.

Secondo il rapporto di Sophos, il costo medio per neutralizzare un ransomware, tenendo conto dei tempi di inattività, del costo del personale, dei dispositivi e della rete, nonché del riscatto pagato è di 1,85 milioni di dollari

Quali sono gli effetti di un attacco HelpRansomware

Alcune vittime pagano per recuperare i loro file ma, di fatto, non vi è alcuna garanzia che, così facendo, recupereranno i propri file.

Il ripristino è un processo difficile.

Per questo è meglio che ti affidi a uno specialista come HelpRansomware.

Gli attacchi ransomware possono creare problemi nei processi aziendali e privare le organizzazioni di dati indispensabili per operare e fornire servizi di cruciale importanza.

A seconda del tipo di ransomware, il danno può essere più o meno grave, ma esistono diverse soluzioni.

Gli attacchi ransomware hanno effetti sempre più devastanti in termini economici e di reputazione online.

Quali sono i due principali ransomware?

I due principali ransomware sono: 

  • Ransomware di blocco: la sua funzione principale è quella di bloccare le attività di base del dispositivo impedendo l’accesso, ad esempio, al desktop. 

L’utente può interagire solo attraverso la finestra contenente il messaggio di riscatto; 

  • Ransomware di crittografia: anche se non intacca il funzionamento del computer, il ransomware crittografa i dati più importanti e impedendo all’utente di recuperare i file crittografati.

HelpRansomware può aiutarti in entrambi i casi, eliminando il ransomware e decriptando i dati. 

Contatta uno specialista HelpRansomware

Contatta uno specialista

I nostri esperti di ransomware sono disponibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7 in tutto il mondo

Qual è il ransomware più comune?

Attualmente, i ransomware più comuni sono:

I criminali informatici si aggiornano continuamente e inventano nuovi tipi di ransomware. 

Qual è il ransomware più famoso?

Dipende dal periodo, ad esempio, dieci anni fa era CryptoLocker.

Nel 2017, WannaCry ha raggiunto 150 paesi, mentre il malware attualmente in circolazione è LockBit.

Che cos’ è l’attacco ransomware WannaCry?

Ransomware WannaCry è un attacco informatico sferrato il 12 maggio 2017. 

È considerato uno dei più potenti della storia che ha colpito oltre 230.000 computer in oltre 150 paesi.

L’attacco è stato eseguito tramite l’exploit EternalBlue filtrato da Shadow Brokers Group.

Il malware crittografa i file su un computer e invia sullo schermo un messaggio che richiede un pagamento in bitcoin per decifrarli.

L’attacco ha colpito principalmente i dispositivi che eseguono Microsoft Windows, ma ha anche coinvolto altre piattaforme.

Cos’ è il ransomware DarkSide?

DarkSide ransomware è un tipo di malware che crittografa i dati su un computer infetto, chiedendo un riscatto per la decodifica. 

Si tratta di uno dei tipi di ransomware più comuni propagato di recente, ed è anche uno dei più pericolosi.

Questo tipo di ransomware infetta principalmente il computer di un utente tramite un allegato inviato via email o parte di un file scaricato da Internet. 

Una volta installato, cerca i file nel sistema e li cripta sfruttando potenti algoritmi di crittografia. 

Appare poi un messaggio che richiede il pagamento per decifrare i file e riportarli allo stato originale. 

Cos' è il ransomware DarkSide HelpRansomware

Anche se il tuo computer subisce un attacco da DarkSide, non devi mai pagare il riscatto perché non c’è alcuna garanzia che i file vengano ripristinati.

Gli hacker usano i ransomware?

Si, gli hacker utilizzano ransomware per bloccare un sistema informatico, esigendo il pagamento dall’utente per il recupero dei dati. 

Usano solitamente un Trojan che viene scaricato e aperto dall’utente.

Il ransomware crittografa i file di un utente e li cancella se la vittima non paga per la loro decodifica. 

Danno anche istruzioni su come effettuare il pagamento richiesto. 

In che modo i cyber criminali utilizzano il ransomware per attaccare le loro vittime?

Gli aggressori informatici malintenzionati hanno adattato le loro tattiche ransomware nel tempo, fino ad estorcere denaro alle vittime.

Potresti essere minacciato di vedere pubblicati i tuoi dati, nel caso ti rifiuti di pagare il riscatto.

Si tratta di una doppia estorsione, in quanto potresti essere svergognato pubblicamente. 

In alternativa, gli aggressori possono muoversi per vie traverse, prendendo di mira i dati critici e propagando il ransomware su intere reti.

Le tattiche sono sempre più diversificate, una di queste consiste nell’eliminazione dei backup di sistema, che rendono il recupero e il ripristino dei file più difficili.

In che modo gli hacker inoculano il ransomware?

Di norma, gli hacker inoculano il ransomware inviando alla vittima un’email con un link o attirandola su un sito web violato.

Molti utenti non sanno di essere stati colpiti e non notano nulla di insolito nel loro sistema, fino a quando non viene richiesto il riscatto. 

Viene visualizzato un pop-up con un lucchetto rosso e un punto esclamativo. 

In che modo gli hacker inoculano il ransomware HelpRansomware

Questo indica che i tuoi file sono stati criptati poiché questo tipo di codifica prevede solitamente una chiave di decodifica per ogni utente. 

Per decriptare i file, avrai bisogno della stessa chiave crittografica.

In presenza di un ransomware, le vittime pensano che se non pagano non avranno mai più accesso ai loro dati, motivo per il quale cedono al ricatto.

Ma prendono un abbaglio: il pagamento non garantisce il recupero dei dati, anzi, incoraggia i crimini informatici

La soluzione più efficace e veloce è contattare una società specializzata in ransomware come HelpRansomware

Hai bisogno di aiuto per recuperare i tuoi dati? HelpRansomware

Hai bisogno di aiuto per recuperare i tuoi dati?

Rimuoviamo il ransomware e recuperiamo i tuoi file

Come si diffonde il ransomware?

Il ransomware può propagarsi attraverso i seguenti canali:

  • Email: il ransomware può essere inviato come allegato a un messaggio di posta elettronica. 

Una volta aperto, i dati dell’utente verranno crittografati e ti verrà chiesto di pagare un riscatto per recuperare i dati;

  • Download drive-by: questo metodo consiste nel veicolare ransomware attraverso una pagina web infetta da malware, o visitando un sito contenente annunci o software infetti, che scaricano il ransomware sul computer e impediscono alla vittima di interagire.

Si tratta dei due principali vettori di diffusione di ransomware che sfruttano la vulnerabilità dei sistemi

In quanto tempo si diffonde un ransomware?

Un ransomware può diffondersi rapidamente se non viene rilevato tempestivamente. 

Di solito impiega meno di un’ora per propagarsi

A meno che non si tratti di un ransomware evoluto, come WannaCry, che ha impiegato diversi giorni per diffondersi in tutto il mondo.

In quanto tempo si diffonde un ransomware HelpRansomware

Di fatto, i dati di Avast parlano di 10.000 computer infetti ogni ora. 

Il ransomware può diffondersi tramite Wi-Fi?

Uno studio dell’Università di Liverpool ha rivelato che le reti WiFi possono essere infettate da un virus. 

È stata dimostrata quanto sia efficace nel rilevare e identificare i punti meno protetti da crittografia e password. 

Alan Marshall, docente di sicurezza informazione presso l’Università, ha dichiarato che:

“Le connessioni Wi-Fi sono sempre più un obiettivo per gli hacker a causa di vulnerabilità di sicurezza ben documentate, che rendono difficile rilevare e difendersi da un virus”.

Il ransomware può infettare i telefoni cellulari?

Il ransomware può essere installato su qualsiasi dispositivo connesso a Internet, inclusi gli smartphone.

Recentemente, si è registrato un calo del numero di attacchi ransomware sui dispositivi mobili.

Il ransomware può infettare i telefoni cellulari HelpRansomware

Secondo uno studio condotto da Kaspersky, nel 2021 il numero di attacchi a livello globale ha raggiunto i 46 milioni di utenti mobile

Questo numero è diminuito del 36%, considerando che 63 milioni di dispositivi erano stati centrati nel 2020 . 

Il ransomware può infettare le unità USB?

Sì, certo. Il ransomware potrebbe infettare un’unità USB anche se non viene criptata. 

Il malware può diffondersi attraverso la rete informatica e crittografare i file su altri computer e dispositivi a cui si ha accesso, come un’unità USB collegata.

Quanto tempo impiega un ransomware a criptare i file?

Il ransomware cripta i file utilizzando una chiave pubblica e una chiave privata. 

Il malware genera la chiave pubblica all’avvio, poi codifica i file. 

La chiave privata non viene generata fino a quando la vittima non paga il riscatto.

I ransomware impiegano generalmente circa un’ora per crittografare tutti i file su un sistema informatico.

Ma ci possono volere anche giorni, settimane, o addirittura mesi. 

Il costo del riscatto varia a seconda del tipo di ransomware e del numero di file da decriptare. 

Il report realizzato da Sophos indica che le imprese di medie dimensioni esborsano circa 170 704 dollari per ogni riscatto

Quanto tempo impiega un ransomware a criptare i file HelpRansomware

Il ransomware ruba i dati?

Diversamente dal furto di dati tradizionale, il ransomware si caratterizza per la sua capacità di crittografare i file. 

Il suo obiettivo principale è quello di bloccare i dati della vittima e estorcere una somma di denaro. 

Nel 2021, il 59% degli attacchi è stato compiuto usando una strategia a doppia estorsione, come si evince dal report X-Force Threat Intelligence Index di IBM Security

Il ransomware ruba i dati HelpRansomware

D’altra parte, il malware è un software malevolo che può infettare un computer senza essere rilevato ed eseguire qualsiasi attività, come il furto di dati. 

Il ransomware può individuare le mie password?

La risposta è sì, ma dipende dal tipo di malware con cui si è infettati.

Il ransomware è un tipo di malware che cripta i file e richiede un pagamento per ottenere la chiave per la decrittografia e per sbloccarli.

Esistono due tipi di ransomware: il primo codifica i file e chiede denaro in cambio della chiave per decriptarli e sbloccarli, mentre il secondo elimina i dati, se non si paga.

L’installazione di ransomware e di altri software dannosi può passare inosservata, quindi è di vitale importanza porre la massima attenzione quando si scaricano software o si aprono allegati sospetti che possono compromettere il sistema.

È possibile eliminare i ransomware?

I ransomware possono essere rimossi utilizzando programmi anti ransomware come Norton, Malwarebytes o Kaspersky.

Inoltre, ci sono alcuni programmi antivirus che possono aiutare a rimuovere il ransomware dal sistema gratuitamente.

La difficoltà sta nell’attività di decrittografia dei file che può essere eseguita solo da un’azienda specializzata. 

HelpRansomware può aiutarti sia ad eliminare il malware che a recuperare i tuoi dati. 

Sei stato vittima di un attacco ransomware? HelpRansomware

Sei stato vittima di un attacco ransomware?

HelpRansomware ti garantisce la rimozione e il ripristino di tutti i file crittografati dal ransomware

Resettare il PC rimuove il ransomware?

Resettando il PC rimuoverai qualsiasi malware inoculato prima del ripristino, ma ciò non annullerà affatto le modifiche apportate dal ransomware, come i file crittografati.

È sempre consigliabile eseguire un backup completo dei dati prima di riavviare il computer e assicurarsi di avere installato un buon software antivirus sul PC.

La reinstallazione di Windows elimina il ransomware?

Ci sono due fattori di cui tenere conto prima di rispondere a questa domanda. 

Il primo è capire in che modo il ransomware  è entrato nel computer, e il secondo è sapere che tipo di sistema operativo viene utilizzato.

Se usi Windows 10, sarai al sicuro reinstallando Windows e non dovrai preoccuparti di rimuovere il ransomware. 

Tuttavia, se si utilizza una versione precedente di Windows, è possibile che i file siano ancora infetti e non vengano visualizzati dopo la reinstallazione di Windows.

Spegnere il computer ferma il virus?

Il modo più comune per fermare il ransomware è quello di non spegnere il computer.

Tuttavia, dovrai interrompere il processo in esecuzione.

Questo non sarà possibile se ci sono troppe attività in corso o se il processo è nascosto in uno dei tuoi file. 

In questo caso, dovrai spegnere il computer.

Quanto costa eliminare il ransomware?

È difficile determinare il costo esatto per la sua rimozione

Ci sono molti aspetti da considerare, come il tipo di ransomware, la quantità di dati crittografati e le risorse disponibili.

La rimozione di alcuni tipi di ransomware richiede l’intervento di professionisti, mentre altri possono essere rimossi facilmente.

Non sei sicuro del tipo di ransomware che ha crittografato i tuoi dati? HelpRansomware

Non sei sicuro del tipo di ransomware che ha crittografato i tuoi dati?

HelpRansomware Identifica, rimuove e recupera i tuoi dati da qualsiasi tipo di ransomware

Nel caso di HelpRansomware, i suoi professionisti indicano quattro punti per procedere ad una rimozione sicura, rapida ed efficace:

  • Valutazione urgente: la vittima presenta il caso e invia i dati crittografati per una prima valutazione urgente;
  • Scansione approfondita: tutti i dati crittografati vengono valutati in modo approfondito per determinare il costo relativo al ripristino;
  • Preventivo rapido: in un giorno, il team invia il preventivo con informazioni accurate sui costi e sui tempi di elaborazione;
  • Cancellazione garantita: una volta accettato  il preventivo, il team di HelpRansomware inizia il processo di cancellazione e recupero dei dati. 

Contatta uno specialista di HelpRansomware, azienda numero uno al mondo nella rimozione di ransomware. 

Quale antivirus può rimuovere il ransomware?

Il modo migliore per proteggere il computer da ransomware è quello di aver installato un antivirus sul computer

Se stai utilizzando un computer Windows, ti consigliamo di utilizzare Windows Defender integrato nel sistema operativo e gratuito per tutti.

Esistono poi svariati programmi antivirus di società terze che offrono funzionalità aggiuntive, come la protezione antimalware e la protezione della navigazione web. 

Citiamo ad esempio i prodotti McAfee e Kaspersky Lab, ma esistono molte altre opzioni.

Devo denunciare l’attacco ransomware alla polizia?

La maggior parte delle volte, le forze dell’ordine non possono aiutarti a recuperare i file. 

Le agenzie si occupano principalmente della cattura dei criminali informatici e della prevenzione di attacchi futuri, ma non aiutano le vittime di ransomware.

Se decidi di segnalare un ransomware, assicurati di avere tutte le informazioni necessarie, come l’indirizzo IP, l’indirizzo email e altri dettagli pertinenti.

Cosa succede se pago per un ransomware?

Se paghi il riscatto, otterrai una chiave per la decrittazione o altro software di sblocco per il tuo dispositivo.

Tuttavia, esiste anche la possibilità che i criminali informatici non sblocchino il tuo dispositivo, anche dopo aver ricevuto il pagamento.

Il rapporto Sophos indica che solo l‘ 8% delle organizzazioni ha recuperato tutti i dati

Cosa succede se pago per un ransomware HelpRansomware

Pagare significa mostrare le proprie fragilità e incitare gli hacker a chiedere altro denaro. 

Come si paga il ransomware?

Ci sono tre modi per pagare il riscatto: 

  • Bitcoin: è una valuta digitale anonima che può essere utilizzata per acquistare prodotti. 

Non richiede alcun dato personale che permetta l’identificazione, il che agevola i criminali nelle loro transazioni;

  • Moneygram: è uno dei servizi di trasferimento di denaro più popolari al mondo, con uffici in oltre 200 paesi e territori in tutto il mondo;
  • Western Union: esiste dal 1851 e offre servizi di trasferimento di denaro da oltre 140 anni.

Al giorno d’oggi, la criptovaluta è la modalità di pagamento più diffusa richiesta dagli hacker per il riscatto. 

Secondo il documento del Comitato del Senato degli Stati Uniti sulla sicurezza interna e gli affari governativi, i criminali informatici hanno ottenuto 692 milioni di dollari in criptovalute con i loro attacchi ransomware

Come si paga il ransomware HelpRansomware

Le aziende pagano i ransomware?

Ci sono due modi in cui le aziende possono recuperare i loro dati in seguito ad un attacco ransomware. 

Il primo è pagare il riscatto. Anche se questo può sembrare il modo più semplice per recuperare i dati, non è sempre la scelta migliore per le aziende.

Pagare il riscatto non garantisce il recupero dei tuoi dati

Anzi, incoraggia gli attacchi ransomware perché gli hacker sanno che possono richiedere ulteriori somme di denaro. 

La seconda opzione è contattare un’azienda specializzata nel recupero dei dati. 

HelpRansomware può aiutarti a rimuovere il ransomware e aprire file criptati

Hai bisogno di aiuto per recuperare i tuoi dati? HelpRansomware

Hai bisogno di aiuto per recuperare i tuoi dati?

Rimuoviamo il ransomware e recuperiamo i tuoi file

In questo modo, non si incoraggia la criminalità informatica e il recupero dei file criptati è certo. 

Devo pagare il riscatto agli hacker?

La risposta è semplice: non si deve mai pagare il riscatto per il ripristino dei dati criptati.

Potrebbe sembrare la via più facile da percorrere, ma non lo è perché gli hacker fanno leva sulla tua vulnerabilità e richiedono altro denaro. 

Ci si può proteggere dal ransomware?

Proteggersi è più facile se si mettono in pratica i seguenti consigli:

  • Backup: eseguire il backup dei file salvati su un disco rigido esterno o su un servizio di archiviazione cloud. 

È meglio fare una normale copia con una versione precedente disponibile dei tuoi file, nel caso in cui qualcosa vada storto.

In questo modo, se il ransomware infetta il tuo computer, puoi sostituire i file con il backup;

  • Software: devi anche acquistare un software antimalware e assicurarti che sia aggiornato;
  • USB: se hai un’unità USB, usala per eseguire regolarmente il backup del tuo computer.

La protezione da ransomware è la migliore prevenzione contro l’infezione da questo tipo di malware. 

Qual è la migliore protezione contro i ransomware?

Il modo più sicuro di proteggerti è avere un backup dei tuoi file, cosicché possano essere ripristinati se il ransomware li cripta. 

Dovresti anche mantenere i tuoi computer aggiornati con le ultime versioni del software ed evitare di scaricare software pirata.

Una VPN ti protegge dai ransomware?

È sbagliato pensare che una VPN possa proteggerti da un attacco ransomware. 

In effetti, il tuo computer è più vulnerabile se è connesso ad una rete IP diversa.

Questo perché in molti casi i ransomware sono legati ad applicazioni o a popup che compaiono navigando sul web.

Ci sono delle precauzioni contro il ransomware?

Ci sono delle precauzioni contro il ransomware HelpRansomware

Le seguenti precauzioni possono proteggerti dalle minacce ransomware:

  • Aggiorna software e sistemi operativi con le ultime patch.

Le applicazioni e i sistemi operativi obsoleti sono l’obiettivo della maggior parte degli attacchi;

  • Non cliccare su collegamenti o allegati inseriti in email non richieste o di cui non si conosce il mittente;
  • Esegui regolarmente il backup dei tuoi dati e conservali su un dispositivo separato e memorizzato offline.

Questo non ti aiuterà a prevenire un attacco ransomware, ma sicuramente potrà aiutarti a minimizzare la perdita di dati;

  • Naviga in sicurezza quando i tuoi dispositivi si connettono a Internet.

È importante mettere in pratica questi suggerimenti per una migliore protezione contro i ransomware. 

Quali sono le altre best practice contro il ransomware?

Questi piccoli accorgimenti sono utili ai singoli individui vittime di attacchi ransomware, ma anche alle organizzazioni:

Quali sono le altre best practice contro il ransomware HelpRansomware
  • Limita le autorizzazioni degli utenti per installare ed eseguire applicazioni software e applica il principio del “privilegio minimo” a tutti i sistemi e servizi. 

Limitare questi privilegi può impedire l’esecuzione di malware o, quanto meno, frenare la sua capacità di propagazione sulla rete;

  • Utilizza l’elenco di autorizzazioni delle applicazioni per consentire solo ai programmi approvati di essere eseguiti su una rete;
  • Abilita potenti filtri antispam per impedire che le email di phishing raggiungano gli utenti finali e autentica le email in entrata per prevenire lo spoofing delle email;
  • Analizza tutte le email in entrata e in uscita per rilevare minacce e filtrare i file eseguibili in modo che non raggiungano gli utenti finali;
  • Configura i firewall per bloccare l’accesso a indirizzi IP dannosi già noti.

Se sei vittima di ransomware, non perdere tempo e rivolgiti a HelpRansomware per minimizzare i danni.

Vuoi rimuovere il ransomware in modo rapido e sicuro? HelpRansomware

Vuoi rimuovere il ransomware in modo rapido e sicuro?

HelpRansomware ha aiutato migliaia di aziende e amministrazioni a riprendersi da un attacco ransomware

Chi è a rischio di un attacco ransomware?

Chiunque abbia un computer connesso a Internet e chiunque disponga di dati importanti conservati sul proprio computer o in rete è a rischio.

Non sono esclusi gli enti governativi, le forze dell’ordine e i sistemi sanitari, che, al contrario, sono spesso le vittime preferite, proprio a causa della natura dei dati che conservano.

Quale percentuale di vittime di ransomware paga il riscatto?

Quale percentuale di vittime di ransomware paga il riscatto HelpRansomware

Il rapporto 2021 di Thycotic riporta che l’83% delle vittime di ransomware finisce per pagare il riscatto

In che modo il ransomware danneggia la mia attività?

Gli attacchi ransomware possono essere devastanti per le aziende. 

Il ransomware non riguarda solo i dati o la paralisi dei processi aziendali, ma danneggia anche la reputazione aziendale del marchio.

L’attacco ha ripercussioni economiche anche per le imprese. 

Secondo il report di Global Cybersecurity Outlook del 2022, quattordici giorni dopo la pubblicazione di una violazione informatica, il prezzo medio delle azioni ha avuto un rendimento inferiore (-3,50%) rispetto al Nasdaq

In che modo il ransomware danneggia la mia attività HelpRansomware

Il modo migliore per proteggere la tua azienda dai ransomware è la prevenzione. 

Ciò significa utilizzare password complesse, installare aggiornamenti software su tutti i dispositivi e mantenere i computer protetti con un antivirus. 

È inoltre necessario eseguire regolarmente il backup dei dati.

Quali aziende hanno subito un attacco ransomware?

Sebbene le aziende non vogliano essere associate agli attacchi ransomware per via della loro reputazione digitale, sono molte quelle prese di mira da questo tipo di malware. 

Tra le ultime aziende colpite citiamo NBA, Accenture, Geox, Fujifilm o Acer. 

Esempi di ransomware

Alla fine di agosto, la compagnia aerea Tap Air Portugal ha subito un attacco ransomware. 

È stata l’azienda stessa a comunicarlo e a dare ai propri clienti le istruzioni per proteggere i loro account, visto che molti dei loro dati erano stati pubblicati sul Dark Web. 

Un altro esempio di attacco ransomware è stato quello sferrato ai danni della Whitworth University.

L’università privata di Washington ha impiegato più di un mese per ripristinare il 95% delle sue attività

Esempi di ransomware HelpRansomware

Qual è un esempio di attacco ransomware?

Anche se questa guida elenca ed esemplifica i casi di ransomware per le aziende, lo stesso vale per le istituzioni. 

Uno degli attacchi più clamorosi è stato quello contro il governo del Costa Rica.

Ad annunciarlo era stato il presidente del paese, dando a questo ransomware il nome Conti

Il paese dichiarò lo stato di emergenza per motivi di sicurezza informatica. 

Quanto tempo ci vuole per riprendersi da un ransomware?

Le aziende impiegano da due a quattro settimane per tornare alla normalità. 

Pertanto, è importante affidarsi a un’azienda che agisca tempestivamente per tornare alla routine il prima possibile. 

Come si risolvono gli attacchi ransomware?

Se il malware non ha ancora infettato il tuo sistema, puoi rimuoverlo dal tuo computer con un software. 

In caso contrario e se non è stato rilevato prima dell’infezione, puoi pensare a ripristinare file criptati senza pagare il riscatto. 

Un’azienda può riprendersi dal ransomware?

È possibile risollevarsi dopo un attacco ransomware. Tuttavia, il processo non è facile e può richiedere molto tempo. 

Il primo passo è capire con quale tipo di ransomware si ha a che fare e i suoi effetti sull’azienda. 

Successivamente, è bene esaminare quali dati sono stati persi e come sono stati crittografati. 

Questo potrà aiutarti ad individuare i file danneggiati e quelli indenni.

Puoi risparmiare tempo contattando una società specializzata come HelpRansomware, esperta nella rimozione di ransomware, sicurezza informatica e decrittografia. 

Hai bisogno di aiuto ora? HelpRansomware

Hai bisogno di aiuto ora?

Parla adesso con un esperto di ransomware

Conclusioni

Leggendo questa guida di HelpRansomware potrai scoprire tutte le informazioni e le risorse sugli attacchi ransomware. 

Da questo articolo si possono trarre le seguenti conclusioni:

  • Il ransomware limita l’accesso ai file di un computer fin tanto che il riscatto non viene pagato;
  • Il bitcoin è la valuta maggiormente usata e richiesta dai criminali informatici per il riscatto;
  • Si diffonde come un virus infettando i sistemi all’insaputa della vittima;
  • Il ransomware è un crimine, ma lo è anche pagare il riscatto per il recupero dei dati;
  • Joseph Popp è stato il creatore del primo ransomware;
  • La maggior parte degli attacchi ransomware provviene da Russia e Ucraina;
  • WannaCry è considerato il più grande attacco ransomware della storia, sferrato nel 2017;
  • La spesa media per neutralizzare un ransomware è di 1,87 milioni di dollari;
  • Anche i telefoni cellulari sono presi di mira dal ransomware;
  • È importante fare delle copie di backup e aggiornare i software;
  • Le conseguenze dell’attacco per le aziende non sono solo devastanti a livello economico, ma anche per la loro reputazione.

Negli ultimi anni, si è registrato un aumento degli attacchi ransomware che hanno colpito importanti aziende ed enti governativi. 

Anche se il ransomware può essere rimosso con un software, l’aspetto più difficile riguarda la crittografia dei dati. 

Per ripristinare i file sul tuo computer, dovrai contattare una società esterna specializzata in decrittografia. 

La cosa più importante è non pagare il riscatto richiesto dai cybercriminali. 

HelpRansomware può aiutarti a rimuovere il ransomware e aprire i file criptati. 

Contatta uno specialista HelpRansomware

Contatta uno specialista

I nostri esperti di ransomware sono disponibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7 in tutto il mondo