La Reputazione Della Whitworth University Dopo L’attacco Informatico [CASE STUDY]

HelpRansomware analizza l’attacco ransomware che ha colpito la Whitworth University a fine luglio e dal quale l’università si sta ancora riprendendo.

L’azienda, leader nella rimozione di ransomware, sicurezza informatica e decriptazione, ha studiato i fatti dell’attacco ransomware alla Whitworth University e il modo in cui hanno influenzato la sua reputazione online.

Vuoi rimuovere il ransomware in modo rapido e sicuro? HelpRansomware

Vuoi rimuovere il ransomware in modo rapido e sicuro?

HelpRansomware ha aiutato migliaia di aziende e amministrazioni a riprendersi da un attacco ransomware

Whitworth University vittima di un ransomware

Il ransomware attacca paesi, come avvenuto con il governo del Costa Rica, individui, aziende e anche istituzioni, come le università.

L’ultima a dare l’allarme è stata la Whitworth University, un’università privata di Washington.

Queste strutture sono uno degli obiettivi più comuni perché memorizzano migliaia di dati dei suoi utenti.

Inoltre, gli studenti si scambiano informazioni sui computer pubblici, che a volte non dispongono di sicurezza informatica.

Whitworth University vittima di un ransomware HelpRansomware

Il sito Web dell’entità ha smesso di funzionare un mese fa ed è possibile accedere solo ai dettagli di contatto.

L’entità privata ha confermato l’incidente informatico attraverso una dichiarazione ai membri della sua comunità:

“Probabilmente è già noto che nelle ultime settimane abbiamo affrontato un problema di sicurezza molto sofisticato relativo ai nostri sistemi di rete.”

Cronologia degli attacchi ransomware

Il sito web della Whitworth University è rimasto inattivo per tre settimane e gli utenti sono stati informati di un bug temporaneo.

Sebbene l’università abbia rilasciato la dichiarazione il 17 agosto, l’attacco è stato effettuato a fine luglio:

“Il 29 luglio abbiamo appreso che attori esterni avevano avuto accesso ai nostri sistemi informativi”.

Fino al 31 agosto non si prevedeva che i dispositivi tecnologici dell’università tornassero alla normalità.

Cronologia degli attacchi ransomware HelpRansomware

Come pubblicato nella nota informativa, ci vorrà più di un mese prima che la Whitworth University recuperi il 95% delle operazioni.

Conseguenze dell’attacco alla Whitworth University

L’attacco ha bloccato le attività di studenti, dipendenti e donatori della Whitworth University:

“Se l’indagine determina che le informazioni personali sono state danneggiate, informeremo immediatamente gli interessati e forniremo loro le risorse necessarie per proteggere i loro dati”.

L’università conferma la fuga di notizie dai propri sistemi informativi:

“I nostri team di risorse informatiche e didattiche hanno lavorato instancabilmente al fianco di esperti di sicurezza informatica per fermare l’incidente e hanno ripristinato i sistemi il più rapidamente possibile”.

Sebbene in nessun momento l’università menzioni il termine “ransomware”, indica che ha collaborato con “esperti forensi esterni”.

HelpRansomware offre servizi di sicurezza informatica premium per aiutare le amministrazioni e le aziende a rimuovere qualsiasi tipo di ransomware e ripristinare file crittografati.

L’azienda insiste sempre per non pagare il riscatto né  negoziare con i criminali informatici.

Contatta un’azienda specializzata nella rimozione di ransomware e nella decrittazione di file come HelpRansomware.

Hai bisogno di aiuto per recuperare i tuoi dati? HelpRansomware

Hai bisogno di aiuto per recuperare i tuoi dati?

Rimuoviamo il ransomware e recuperiamo i tuoi file

Attacco ransomware alla Whitworth University: l’analisi

HelpRansomware analizza come questo atto criminale ha influito sulla reputazione online dell’università.

Lo studio prende in considerazione:

  • Sentiment;
  • Temi positivi e negativi;
  • Tendenze;
  • Emozioni.

L’analisi del monitoraggio reputazionale è suddivisa in due periodi.

Da un lato, dal 28 luglio al 2 agosto, giorni in cui il sito era bloccato ma l’università lo associava a un temporaneo guasto.

Il secondo periodo va dal 16 al 22 agosto, data in cui la Whitworth University ha confermato l’incidente informatico.

Il sentiment

Il software RepUP Monitoring Tool calcola la percentuale di sentiment, positiva o negativa, generata dagli utenti sui social network.

Nell’immagine seguente viene visualizzato il sentiment della Whitworth University nel primo periodo, dopo l’attacco ransomware.

Il sentiment Whitworth University primo periodo HelpRansomware

I dati sono molto favorevoli: il sentiment positivo è dell’89,1%, in crescita del 2.000% rispetto alla settimana precedente.

A seguire, la stessa analisi per il secondo periodo: dal 16 al 22 agosto.

Il sentiment Whitworth University secondo periodo HelpRansomware

Il sentiment positivo è del 14% e quello negativo del 34,4%, in aumento del 256% rispetto al periodo precedente.

I numeri negativi più alti si verificano il giorno in cui l’università rilascia la dichiarazione.

Le cifre tra il periodo precedente e successivo alla conferma  dell’incidente informatico sono molto diverse.

Tendenze

Per studiare meglio la reputazione digitale dell’università, il software brevettato di ReputationUP analizza quali sono le tendenze, dal 16 al 22 agosto, associate alla Whitworth University.

Tendenze Whitworth University HelpRansomware

Come mostrato nell’immagine, alcuni degli argomenti sono relativi a questo tipo di malware:

  • Pagina web;
  • Sistemi;
  • Incidente;
  • Proteggere;
  • Attacco.

Tutte queste parole si situano nell’intervallo negativo-neutro.

A seguire, l’analisi dello stesso periodo con riferimento agli hashtag.

Quelli negativi e neutri sono comunque associati all’attacco:

  • Sicurezza dei dati;
  • Privacy dei dati;
  • Violazione dei dati;
  • Cybersecurity;
  • Hackeraggio;
  • Ransomware;
  • Attacco informatico;
  • LockBit;
  • Malware.
Hashtags Whitworth University HelpRansomware

Solo #WSU è contrassegnato come positivo.

Emozioni

HelpRansomware ha analizzato le emozioni che la Whitworth University genera.

Il RepUP Monitoring Tool divide i diversi sentimenti come segue:

  • Felicità;
  • Tristezza;
  • Paura;
  • Rabbia;
  • Sorpresa.

Nell’immagine seguente vengono studiate le emozioni del primo periodo: dal 28 luglio al 2 agosto.

Emozioni Whitworth University primo periodo HelpRansomware

La gioia è l’emozione predominante (85,9%), seguita dalla tristezza (7,1%) e dalla paura (5,1%).

L’emozione che è cresciuta di più in una settimana è la gioia, con il 1.317%.

In seguito si vede la stessa tendenza osservata con il sentiment.

Nel secondo periodo, i sentimenti degli utenti sulla Whitworth University sono negativi.

La rabbia è l’emozione principale (32,8%), seguita dalla tristezza (31%) e dalla paura (25,9%).

Emozioni Whitworth University secondo periodo HelpRansomware

La felicità scende dall’85,9% rispetto al primo periodo, fermandosi al 10,3%.

Conclusioni

Attraverso questo case study, è stato verificato come il ransomware attacchi anche istituzioni private, come la Whitworth University.

Allo stesso modo, attraverso i dati, è stata confermata l’importanza di risolvere rapidamente un attacco ransomware.

La velocità di azione è vitale non solo per recuperare i dati, ma anche per la reputazione online dell’entità.

Da questo testo si possono trarre le seguenti conclusioni:

  • La Whitworth University ha definito l’incidente un problema tecnico temporaneo e, solo dopo settimane, ha confermato l’attacco;
  • L’entità aveva un sentiment positivo dell’89,1% e, dopo l’annuncio del ransomware, è scesa al 14%;
  • L’attacco informatico ha generato un sentiment negativo del 34,4%;
  • Le tendenze online sono associate agli attacchi informatici con parole chiave come ransomware, malware o LockBit;
  • La felicità era l’emozione predominante con l’85,9%, che è scesa al 10,3% dopo l’attacco;
  • La rabbia è diventata l’emozione principale dopo il ransomware.

I dati confermano che il crimine informatico di cui la Whitworth University è stata vittima, ha avuto un impatto sulla sua reputazione e sul suo sentiment online.

Affinché le conseguenze non incidano negativamente su una società o ente, il primo passo è non pagare il riscatto ai criminali informatici.

La vittima dovrebbe contattare un’azienda specializzata in sicurezza informatica e rimozione di ransomware, come HelpRansomware.

L’azienda, che fa parte del gruppo ReputationUP, è leader nella decrittazione e nel recupero dei dati dirottati da ransomware.

Sei stato vittima di un attacco ransomware? HelpRansomware

Sei stato vittima di un attacco ransomware?

HelpRansomware ti garantisce la rimozione e il ripristino di tutti i file crittografati dal ransomware