Spyware: Cos’è, Come Funziona E Come Si Elimina [GUIDA 2021]

Con la nuova guida di Help Ransomware scoprirai cos’è uno spyware e come funziona. Ti spieghiamo come riconoscere il virus ed eliminarlo da un dispositivo.

Cos’è uno spyware

Lo spyware è un tipo molto comune di malware.

Infatti, come si legge nel glossario del Rapporto sulla sicurezza informatica stilato da Clusit, con spyware si intende:

“Malware che raccoglie informazioni sul comportamento della vittima trasmettendole all’attaccante.”

Il termine deriva dalla parola inglese spy che significa “spiare”, ed è indicativo di come si comporti questo malware.

Cos'è uno spyware Help Ransomware

Considerando che nel 2021 sono stati prodotti 230.000 malware al giorno, è facile capire l’importanza di sapersi proteggere contro questa minaccia informatica.

Che tipo di software è uno spyware?

Lo spyware è un software dannoso che spia la vittima, raccogliendo informazioni riguardanti la sua attività online senza averne il consenso.

Viene definito un intrusion software, o software di intrusione, detto anche software di spionaggio.

Nel testo della Commissione Europea del 10 ottobre 2018/1922 che regolamenta l’esportazione di prodotti dual use, c’è la seguente definizione:

Software appositamente progettato o modificato per evitare l’individuazione da parte degli ‘strumenti di monitoraggio’, o per sconfiggere le ‘contromisure di protezione’, di un computer o un dispositivo collegabile in rete”.

Tre sono le funzioni che questo software svolge:

  • L’estrazione di dati e informazioni da un dispositivo collegabile in rete;
  • La modifica dei dati del sistema o dell’utente;
  • La modifica del percorso standard di esecuzione di un programma o di un processo per consentirne l’esecuzione attraverso istruzioni fornite dall’esterno.

Come funziona lo spyware?

Come molti crimini informatici, lo spyware funziona rubando dati alla vittima.

Gli hacker usano questo tipo di malware per raccogliere ogni tipo di informazione: password, dati delle carte di credito, informazioni personali.

C’è poi una forma di spyware che è praticamente legalizzata: i cookies.

Così gli inserzionisti spiano le tue attività online per proporti annunci personalizzati e mirati ai tuoi interessi; i rischi sono minori rispetto agli spyware normali, e si limitano al singolo sito web che li usa.

Inoltre, ci sono esempi di spyware utilizzati dai governi per raccogliere informazioni sensibili.

Questo tipo di attacco è noto come govware o policeware.

È di quest’estate il caso dellospyware Pegasus, da cui è nato il Pegasus Project.

Il software prodotto da un’agenzia israeliana è stato venduto agli enti governativi di diversi paesi, tra i quali Marocco, Arabia Saudita, Ruanda, Messico, per spiare non solo i criminali, ma anche giornalisti e attivisti politici.

In generale, una volta entrato nel tuo dispositivo, sono diverse le funzioni che lo spyware può assumere:

  • Invia pubblicità non richiesta (spam);
  • Invia email phishing, per reindirizzarti su falsi siti di e-commerce o per spingerti a comunicare informazioni riservate;
  • Modifica il sistema operativo del tuo PC in modo da farti eseguire automaticamente il malware ad ogni avvio, potenziandone i danni.

Molti programmi gratuiti su Internet nascondono un malware di questo tipo; in alcuni casi è la stessa applicazione che promette di liberare dagli spyware ad installarlo sul tuo dispositivo.

Come attaccano i virus informatici spyware?

Gli spyware, a differenza dei ransomware, non possono diffondersi in maniera autonoma.

Questo malware ha bisogno dell’intervento umano per essere installato.

I criminali informatici si servono delle più svariate tecniche di ingegneria sociale per spingere l’ignara vittima a scaricare lo spyware.

Come attaccano i virus informatici spyware Help Ransomware

Il 99% degli attacchi informatici utilizza l’ingegneria sociale.

Ecco alcuni dei metodi con cui si infiltra sul tuo dispositivo:

  • Vulnerabilità di sicurezza: cliccare su link in email phishing o su pop-up in un banner pubblicitario può dare avvio all’infezione. Presta molta attenzione ai contenuti e ai siti che visiti.
  • Marketing ingannevole: spesso gli spyware si nascondono nei download o nei drive-by download di programmi da installare sul dispositivo.

Stessa cosa vale per i software in bundle. Controlla attentamente che i siti dai quali scarichi siano affidabili ed evita di concedere troppe autorizzazioni a qualunque applicazione.

  • Trojan, worm, backdoor, attacchi doxing: oltre a causare diversi danni, questi virus possono anche servire per distribuire spyware.
Come attaccano i virus informatici spyware guida Help Ransomware

I trojan rappresentano il 51,45% di tutti i malware.

  • Spyware per dispositivi mobili: sono sempre più comuni e più difficili da identificare.

L’attacco può avvenire sia attraverso applicazioni legittime rielaborate con codici dannosi; sia attraverso applicazioni false e quindi dannose.

Il problema maggiore è che, anche disinstallando il software che ha dato avvio all’infezione, lo spyware rimane sul dispositivo e continua a funzionare.

Cosa fa lo spyware?

A prescindere dal modo in cui lo spyware accede al PC, questo inizia ad infettarlo agendo in background.

Il software raccoglie dati e monitora le attività della vittima.

  • Registra i tasti premuti: i cosiddetti keylogger spiano tutto quello che digiti e lo usano per memorizzare numeri di carte di credito, credenziali di accesso e password;
  • Traccia l’attività online: abbiamo già detto che i cookies possono essere considerati degli spyware perché tracciano i tuoi movimenti online; così facendo, permettono agli inserzionisti di attirare la tua attenzione attraverso pubblicità su misura;
  • Assume il controllo del computer: alcuni spyware del tipo Trojan modificano le impostazioni di sicurezza per consentire un controllo remoto del dispositivo.

Successivamente, usa le informazioni raccolte per intraprendere azioni dannose o per promulgare attacchi ransomware.

Come si riconosce uno spyware?

È molto difficile riconoscere la presenza di uno spyware.

Se noti dei comportamenti sospetti del tuo dispositivo, contatta subito una società specializzata: Help Ransomware, con oltre vent’anni di esperienza nel settore della sicurezza informatica, può fornirti il supporto adeguato nel recuperare i file crittografati.

Ecco i segnali che potrebbero rivelare la presenza di uno spyware:

  • Rallentamento del dispositivo, sia nell’esecuzione di programmi che nelle risposte ai comandi;
  • Messaggi pop-up inattesi che nascondono adware;
  • Modifiche alla homepage del motore di ricerca o della barra dei preferiti;
  • Batteria che si consuma più rapidamente;
  • Difficoltà di accesso a siti sicuri;
  • Insolito aumento nell’utilizzo dei dati o della rete;
  • I sistemi di sicurezza e gli antivirus non funzionano.

Tutti questi possono essere indizi che uno spyware sta cercando e rubando informazioni sul tuo dispositivo.

Come evitare gli spyware?

Per evitare gli spyware bisogna partire dall’avere un atteggiamento proattivo di protezione.

Innanzitutto è bene capire con cosa hai a che fare, ed è il motivo per cui gli esperti di Help Ransomware hanno scritto questa guida.

Se aumenta il livello di conoscenza e consapevolezza degli utenti, i criminali informatici avranno più difficoltà ad entrare nei dispositivi.

Inizia seguendo queste semplici regole:

  • Non aprire email provenienti da mittenti sconosciuti: circa il 92% dei malware viene trasmesso tramite mail;
Come evitare gli spyware Help Ransomware
  • Non scaricare file, a meno che non provengano da una fonte fidata e verificata;
  • Passa il mouse sui link per verificare l’URL: osserva attentamente e controlla che sia scritto in modo corretto e rimandi a un sito HTTPS;
  • Imposta il blocco degli annunci pubblicitari per evitare casi di malvertising;
  • Installa un programma di sicurezza informatica che includa la protezione in tempo reale, in modo da bloccare gli spyware prima ancora che vengano attivati sul dispositivo.

Seguendo queste semplici procedure, potrai ridurre il rischio di venire infettato da un malware e, allo stesso tempo, puoi prevenire gli attacchi ransomware.

Come si elimina lo spyware?

Abbiamo già detto che è molto difficile riuscire ad identificare la presenza di uno spyware sul tuo dispositivo.

Allo stesso modo, se l’infezione è avvenuta con successo, sarà molto difficile eliminarla.

Come si elimina lo spyware Help Ransomware

Il 63% delle piccole imprese ritiene che gli attacchi malware stiano diventando troppo difficili da affrontare.

Nonostante la difficoltà, esistono diversi metodi efficaci per rimuovere lo spyware:

  • Utilizza un software di rimozione malware e spyware per ripulire il computer o il telefono.

Fai molta attenzione al programma che utilizzi, perché alcuni software sono loro stessi degli spyware.

  • Svuota la cache di Internet per cancellare qualsiasi traccia rimanente del malware.
  • Modifica tutte le credenziali di accesso (username e password) di qualunque account.

Nel caso l’attacco sia avvenuto sul tuo telefono, ti consigliamo innanzitutto di eseguire la rimozione in modalità di emergenza o offline; così eviterai che lo spyware si connetta ad altre reti e si installi di nuovo.

Per procedere, segui queste indicazioni:

  • Annulla il rooting o il jailbreak del tuo dispositivo: molti spyware richiedono che il telefono abbia subito rooting o jailbreak per poter funzionare.

Nel caso degli iPhone, puoi riportare il dispositivo allo stato precedente al jailbreak, eseguendo un aggiornamento iOS.

  • Se la precedente opzione non ha funzionato, allora considera il ripristino alle impostazioni di fabbrica.

In questo modo il dispositivo tornerà al suo stato originario, eliminando tutti i dati e i programmi scaricati sino ad allora.

Prima di procedere in questo senso, fai un backup dei dati personali.

Tuttavia queste misure potrebbero non essere sufficienti.

L’unica soluzione davvero efficace al 100% è rivolgerti ad Help Ransomware; i nostri esperti saranno in grado di ripristinare i file.

Quali sono gli spyware più comuni?

Gli spyware possono assumere forme estremamente mutevoli.

Di seguito vediamo quali sono le categorie più comuni e come funzionano.

  • Password stealer: si tratta di applicazioni che infettano i dispositivi per ottenere password e accessi.

Un particolare password stealer è il trojan bancario, che agisce in modo da ottenere le credenziali dagli istituti finanziari.

L’applicazione malware Trojan-Banker.AndroidOS.Asacub, per esempio, ha attaccato oltre 250.000 utenti.

Quali sono gli spyware più comuni Help Ransomware

Questi spyware sfruttano le vulnerabilità nella sicurezza per modificare pagine web o intervenire sulle transazioni senza lasciare traccia.

Inoltre, possono trasmettere le informazioni raccolte a un server remoto per il recupero.

  • Infostealer: sono applicazioni che scansionano i computer alla ricerca di ogni tipo di informazione.

Username, password, indirizzi email, cronologia del browser, informazioni di sistema, documenti, file multimediali: questo è il loro bottino.

  • Keylogger: detti anche system monitor, memorizzano tutte le attività svolte sul dispositivo.

Questi spyware registrano i tasti premuti, i siti visitati, la cronologia di ricerca, le conversazioni su chat o email e le credenziali di sistema.

Di solito fanno screenshot della finestra attiva a intervalli regolari.

Inoltre, possono trasmettere immagini, audio e video anche accedendo alle stampanti collegate al dispositivo infetto.

Appartenenti a questi gruppi, alcuni spyware si sono distinti negli anni per la quantità di danni provocata agli utenti.

Ecco alcuni dei più pericolosi:

  • FinFisher: era stato progettato per essere usato dalle forze dell’ordine e dai governi, ma ha finito per servire agli scopi dei criminali informatici;
  • GO Keyboard: era un’applicazione scaricabile facilmente da Google Play che, spiando i consumatori, è riuscita a rubare moltissimi dati personali;
  • Look2Me: questo potente spyware rendeva il PC accessibile in modalità sicura a ogni accensione, rendendo la minaccia quasi impossibile da rilevare;
  • Trojan.Zlob: oltre a spiare la vittima, distribuiva annunci pop-up e scambiava i controlli del PC.

Cosa sono i rootkit e qual è il loro scopo?

Anche i rootkit rientrano nella categoria dei malware.

Come dice il nome, sono dei kit, ovvero insiemi di strumenti che permettono all’hacker di avere accesso al computer da remoto.

Secondo la definizione del dizionario Garzanti, un rootkit è:

“Software che nasconde la propria presenza all’interno di un sistema operativo, spesso usato per nascondere, sia all’utente sia a programmi antivirus, la presenza di spyware e trojan.”

I rootkit si comportano come i programmi di backdoor dando la possibilità all’hacker di installare e disinstallare specifici componenti.

Come per gli altri malware, il vettore di infezione più comune è una vulnerabilità nel sistema operativo o l’installazione di un’applicazione.

In ogni caso, il fine ultimo dei rootkit è rubare informazioni alla vittima.

Come si comportano i virus Hijackers?

I virus Hijackers si manifestano con l’intrusione di un software indesiderato all’interno di un browser Internet del quale altera l’attività.

Un browser hijacker è un malware in grado di modificare le impostazioni del browser senza autorizzazione.

In questo modo, reindirizza l’utente su siti web diversi da quello originario.

Lo scopo è di generare traffico su siti web specifici, dai quali l’hacker ricava un profitto; oppure per mettere in atto delle truffe partendo proprio da quei siti web.

Uno dei metodi più comuni per truffare la vittima è modificando la home page del browser.

Così facendo, ogni volta che l’utente si connette a Internet, accede direttamente al sito truffaldino.

I software utilizzati per gli attacchi di hijacking agiscono sostituendo l’URL della home page del browser con quello indicato dagli hacker.

Un sistema compromesso dal virus Hijackers presenta alcune caratteristiche tipiche:

  • Browser instabile;
  • Home page modificata;
  • Apertura di numerosi pop-up o di pagine web non richieste;
  • HOSTS file modificato;
  • Cali di prestazione del dispositivo;
  • Processi non noti in esecuzione.

Qual è il miglior antispyware?

Per evitare di essere attaccati da uno spyware è importante avere un buon antispyware installato sul dispositivo.

Nell’ottobre 2004, quattro anni dopo la diffusione del primo antispyware, America Online e la National Cyber-Security Alliance hanno condotto un sondaggio.

Il risultato? Circa l’80% di tutti gli utenti di Internet aveva il proprio sistema infetto da spyware.

Qual è il miglior antispyware Help Ransomware

Inoltre, il 95% degli intervistati ha riferito di non aver mai concesso il permesso di installare l’applicazione responsabile dell’attacco.

Come abbiamo già fatto nel caso del ransomware, fornendoti una lista strumenti per la decrittazione, adesso vediamo alcuni dei più utili contro lo spyware.

Si tratta di uno dei migliori software in circolazione ed è disponibile in una versione gratuita ed una a pagamento.

Quest’ultima è particolarmente adatta a chi utilizza i dispositivi per lavoro e ha bisogno di una protezione avanzata.

È ideale nel caso tu abbia già installato sul tuo PC un buon antivirus.

Si tratta di uno dei più completi software a disposizione. Protegge i file presenti nel PC che vengono criptati rendendoli inaccessibili ai malintenzionati.

Inoltre, protegge le caselle mail e i siti web attraverso un parental control molto efficace.

Citiamo questo antispyware perché è particolarmente efficace nella rimozione dei browser hijacker.

Il programma è completamente gratis e non necessita di installazione sul proprio PC.

A volte, però, la presenza di un antivirus o antispyware non è sufficiente a proteggere te e i tuoi dispositivi; soprattutto se l’attacco è già avvenuto.

In questi casi soltanto l’azione di specialisti può contrastare l’avanzata dello spyware.

Contatta Help Ransomware per ricevere la protezione necessaria contro ogni tipo di ransomware.

Le conoscenze degli esperti, combinate con i potenti mezzi tecnologici a loro disposizione, sono di certo più efficaci di qualunque software in circolazione.

Conclusioni

In questa guida ti abbiamo mostrato tutto quello che c’è da sapere sugli spyware e altri tipi di minacce malware.

Di seguito, ecco le conclusioni che puoi trarre dal testo:

  • Lo spyware è un tipo molto comune di malware che spia le attività e le informazioni della vittima senza che se ne accorga;
  • Lo spyware rientra nei software di intrusione o di spionaggio;
  • Questo malware non agisce da solo, ma ha bisogno dell’intervento umano per essere installato;
  • È molto difficile rendersi conto di essere stati attaccati da uno spyware ed è altrettanto difficile eliminarlo dal tuo dispositivo;
  • Un’altra tipologia di malware è rappresentata dai rootkit, che permettono agli hacker di prendere il controllo del PC da remoto;
  • Gli hijackers, invece, sono malware in grado di modificare le impostazioni del browser senza autorizzazione.

Nel caso tu sia stato vittima di un attacco informatico, come ransomware, la soluzione migliore è rivolgersi ad Help Ransomware.

La nostra decennale esperienza nella cyber security ci rende l’azienda numero uno al mondo in sicurezza e protezione digitale per imprese ed enti governativi.

Lascia un commento