Ransomware Phobos: Cos’è, Come Si Diffonde E Come Decriptarlo [2021]

Scopri l’ultima guida di Help Ransomware sul ransomware phobos: cos’è, come si diffonde e come decriptare il virus [2021].

Cos’è il ransomware Phobos? 

Questo temuto virus ransomware chiamato Phobos prende di mira le piccole e medie organizzazioni per crittografare i loro dati e bloccare tutti i file.

In molti casi cancella i backup locali, con l’obiettivo di far pagare un riscatto alla vittima.

Cos’è il ransomware Phobos Help Ransomware

Questo è un esempio della schermata di presentazione di Phobos: ti offre delle opzioni per recuperare i tuoi dati attraverso una richiesta di pagamento in bitcoin.

Phobos è un virus?

Assolutamente sì. Di fatto è tra i crimini informatici più dannosi.

Di seguito, ti spiego come puoi infettarti, qual è la sua famiglia e perché è un virus pericoloso per le aziende.

Qual è la famiglia di Phobos?

Phobos proviene dalla famiglia dei Ransomware; è una copia di sistema del ransomware Dharma.

Per conoscerne l’origine, bisogna risalire alla comparsa di Crysis, di cui Phobos ne è una variante.

Crysis è un virus che attacca i computer Windows.

Arriva tramite e-mail di phishing, che è il metodo più comune per praticare questo crimine informatico.

Dopo Crysis, è stato prodotto il famoso Dharma, con cui gli hacker si muovono nel sistema e rilasciano il virus sulle connessioni interne.

Per essere precisi, quindi, Phobos è una versione di Dharma e la sua funzione è esattamente la stessa; la differenza, invece, è che può essere cento per cento letale ed efficace.

Che cos’è il ransomware Eking?

Il ransomware Eking è la variante del virus Phobos scoperta nel 2020.

Viene diffuso principalmente da pagine torrent, ovvero pagine di download che mascherano i prodotti Adobe.

La prima fase di Eking consiste nell’intrusione del virus all’interno dell’amministratore del sistema.

La seconda include la crittografia dei file, con un processo molto simile a quello del doxing.

Per sbloccarli, gli hacker utilizzano la crittografia AES Advanced Encryption Standard insieme all’estensione id.[decphob@tuta.io].eking.

Lo stile di attacco assomiglia a quello del virus Dharma, sempre con l’obiettivo di richiedere il pagamento in bitcoin per ripristinare i file criptati.

Che cos’è il ransomware Eking Help Ransomware

Come puoi vedere, quando il tuo computer viene infettato da questo virus, ti informa dei passaggi da seguire per sbloccare i file.

Ti raccomandiamo di non pagare alcun tipo di riscatto, poiché potresti ritrovarti vittima di un furto di identità o causare altri danni significativi al tuo sistema.

Quello che dovresti fare, invece, è contattare professionisti che possono risolvere immediatamente questo problema.

Help Ransomware è l’azienda numero uno sul mercato; ha più di 20 anni di esperienza nella protezione della sicurezza informatica di aziende e privati.

Come si diffonde il ransomware Phobos?

La diffusione del ransomware Phobos avviene tramite Trojan.

Il termine Trojan è definito dalla Treccani come:

“In informatica, virus, diffuso attraverso programmi apparentemente innocui o utili, destinato a compromettere il funzionamento del computer su cui viene installato.”

Si nasconde in email spam, aggiornamenti illegittimi e download di pagine web:

  • Email spam: si tratta di email ingannevoli con allegati file o link infetti che si spacciano per autentici, aggiungendo nell’oggetto parole quali “urgente”, “importante”, ecc.

Possono contenere documenti Word, PDF o JavaScript che, una volta aperti, attivano il processo di infezione.

Come si diffonde il ransomware Phobos Help Ransomware

Il Paese con la frequenza maggiore di attacchi di Phishing è la Mongolia con il 15,54%; seguita da Israele con il 15,24% e, al terzo posto, dalla Francia con il 12,58%.

  • Pagine di download: ti sarà capitato di dover scaricare un programma per aprire un file.

In tal caso, presta molta attenzione, perché su internet ci sono pagine che sembrano legittime.

È in queste occasioni che potresti scaricare un virus che avrà così accesso accedere al tuo computer.

Come si diffonde il ransomware Phobos guida Help Ransomware

In molte occasioni, il virus si spaccia per Adobe Reader; scaricando la finta applicazione, inconsapevolmente scaricherai anche il malware.

Il ransomware Phobos può diffondersi tramite Wi-Fi?

Sì, come abbiamo detto prima, questo ransomware può essere facilmente scaricato da Internet.

Le email si presentano come autentiche, provenienti da fonti note o persino governative, nonché pagine web di download.

Questo malware sfrutta diverse vulnerabilità per installarsi:

  • Aggiornamenti software obsoleti;
  • Sistema privo di antivirus;
  • Assenza di backup.
Il ransomware Phobos può diffondersi tramite Wi-Fi Help Ransomware

Strumenti per decifrare il ransomware Phobos 

La rimozione manuale del virus Phobos può trasformarsi in un processo molto lungo e complicato.

Esistono, però, soluzioni automatizzate in grado di svolgere questo compito.

Innanzitutto, rivolgiti ad un professionista, perchè corri il rischio di perdere per sempre informazioni importanti che avevi nel tuo dispositivo.

Help Ransomware ha una vasta esperienza nel settore della cybersecurity.

È l’azienda numero uno nella sicurezza e nella protezione digitale per aziende ed enti governativi.

Ecco alcuni consigli se non sai come agire contro questo pericoloso virus:

  • Informa le autorità competenti: se sei stato vittima di reati telematici, ti consigliamo di avvisare la Polizia Postale;
  • Identifica il ransomware: uno dei modi più pratici per identificare il tipo di virus è fornito da ID Ransomware.

Riconosce buona parte delle infezioni e consente di caricare direttamente il messaggio di riscatto o il file crittografato;

  • Decripta il file infetto: è il passaggio più difficile, poiché è necessario trovare la soluzione corretta.

In questa fase sarà fondamentale contare sull’aiuto di un professionista.

Contatta Help Ransomware per recuperare i tuoi file;

  • Ripristina i file: a seconda del problema causato da Phobos, puoi utilizzare lo strumento sviluppato da CCleaner.

Supporta diversi tipi di file (foto, video, documenti, ecc.) ed è gratuito.

Nonostante ti abbiamo fornito diversi strumenti e suggerimenti che potrebbero funzionare, ribadiamo ancora una volta che agire da solo potrebbe essere pericoloso per il tuo sistema.

In effetti, potresti anche peggiorare la situazione, perché metti a rischio le tue informazioni personali e finanziarie.

Help Ransomware ti fornisce un servizio di decrittazione dei dati con alta tecnologia ed esperti qualificati.

È possibile decifrare un ransomware Phobos?

Come abbiamo già spiegato, aprire i file criptati richiede tempo e grandi abilità, ma ciò non significa che sia impossibile.

Adesso vediamo come recuperare i file crittografati così potrai comprenderne la difficoltà.

Per decrittare documenti, foto, video, ecc., è necessario identificare innanzitutto i diversi tipi di algoritmi di crittografia.

La maggior parte di queste infezioni è altamente sofisticata.

Il modo in cui criptano le informazioni è impeccabile; di conseguenza, è difficile scoprire la chiave di decriptazione dei file senza ricorrere a dei professionisti.

Ogni malware ricorre ad un diverso tipo di crittografia; trovare lo strumento di decrittazione corretto, quindi, è complicato se non si conosce bene l’argomento.

Per questo, avere degli specialisti in grado di darti una soluzione rapida ed efficace è l’unico modo per riuscire a recuperare le informazioni senza alcun tipo di pericolo.

Migliaia di criminali informatici passano il loro tempo a creare nuovi ransomware.

Il team di esperti di Help Ransomware si dedica esclusivamente alla ricerca e allo sviluppo di soluzioni rapide per risolvere gli attacchi ransomware più recenti.

Devo pagare il riscatto del ransomware Phobos? 

Pagare il riscatto di un ransomware è sempre una decisione SBAGLIATA, quindi ripetiamo: non pagare mai nulla a nessuno!

La maggior parte degli hacker non risolve il problema di decrittazione dopo aver ricevuto il pagamento.

Devo pagare il riscatto del ransomware Phobos Help Ransomware

Il 42% delle aziende che ha effettuato il pagamento non ha ottenuto la decrittazione dei file.

Se scopri di essere vittima di un crimine informatico, chiama degli specialisti che possano fornirti soluzioni per i ransomware.

L’FBI, sul suo sito web afferma:

“L’FBI non supporta il pagamento di un riscatto in risposta a un attacco ransomware. Il pagamento del riscatto non garantisce che tu o la tua organizzazione otterrete indietro i dati“.

Per questo motivo, è essenziale disporre di esperti che ti diano la sicurezza di recuperare le tue informazioni.

Help Ransomware recupera più di diecimila ransomware all’anno, nonostante le continua mutazioni del virus.

Il nostro team si aggiorna costantemente per prevenire attacchi ransomware.

Conclusioni

Grazie a questa guida, hai compreso cos’è il ransomware Phobos e come si diffonde. Hai scoperto la sua pericolosità e il modo in cui si diffonde.

Di seguito, trovi le conclusioni che puoi trarre dall’articolo:

  • Phobos colpisce le piccole e medie organizzazioni per crittografare i loro dati e bloccare tutti i file;
  • È una copia del sistema ransomware Dharma;
  • Il ransomware Eking è una variante del virus Phobos;
  • Il virus Phobos si insedia nelle e-mail spam, negli aggiornamenti illegittimi e nelle pagine web di download;
  • Sebbene esistano diversi strumenti per eliminare Phobos, la soluzione migliore è rivolgersi a dei professionisti.

Help Ransomware recupera i file criptati da qualsiasi attacco ransomware in modo sicuro e veloce.

Lascia un commento